Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Mer Feb 14
LE CENERI
Ven Feb 16 @21:00 -
I° QUARESIMALE
Sab Feb 17 @07:00 -
SOCCORSO
Lun Feb 19
C.P.C.
Gio Feb 22 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Ven Feb 23 @21:00 -
II QUARESIMALE
Ven Mar 02 @21:00 -
III QUARESIMALE
Ven Mar 09 @21:00 -
IV QUARESIMALE
Ven Mar 16 @21:00 -
V QUARESIMALE
Ven Mar 23 @21:00 -
VI QUARESIMALE

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home Sul Vangelo Commento al Vangelo del 30/01/2011

Commento al Vangelo del 30/01/2011

Scritto da Antonio Fossati   
Lunedì 31 Gennaio 2011 08:43

Beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei cieli. Questa parola apre la pagina delle beatitudini. E’ importante cogliere il misterioso legame che accomuna le singole affermazioni di Gesù. Le beatitudini hanno la forza che hanno perché traducono in proposta di vita gli aspetti fondamentali della personalità e della vicenda storica di Gesù. Gesù è povero, mite, assetato di giustizia, misericordioso, puro di cuore, operatore di pace, perseguitato per la giustizia. Le beatitudini fanno verità sul senso della vita. Ciò che Gesù ha deciso di fare è difficile e costa ma è fecondo. Il discepolo che accetta la logica delle beatitudini ripercorre nella propria storia personale le scelte che Gesù ha fatto e modella la propria vita sulla sua.

L’ideale del cristiano non è una vita facile. L’ideale cristiano è una vita feconda anche se fecondità e fatica vanno normalmente insieme. Punto per punto la pagina delle beatitudini evidenzia il positivo che emerge da una scelta quando questa è segnata dalla logica della croce. Questa settimana allora viviamo Beati i poveri in spirito perché di essi è il regno dei cieli tenendo nel cuore la logica delle beatitudini che è la logica della croce, la logica di Gesù.

Ultimo aggiornamento Lunedì 31 Gennaio 2011 15:39
 

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.