Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Mar Dic 26
SANTO STEFANO
Mer Dic 27
SAN GIOVANNI
Gio Gen 04 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 06
BENEDIZ BAMBINI
Gio Gen 11 @20:45 -
PREGHIERA VICARIALE
Dom Gen 14 @15:00 -
ASSEMBLEA COMUNITARIA
Mer Gen 17
BENED. AUTO
Gio Gen 18
ADORAZIONE SETTIMANALE
Sab Gen 20
SOCCORSO
Lun Gen 22
SAN VINCENZO

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home Maslianico Storia

Storia di Maslianico - L'epoca romana

Scritto da Gabriele Della Torre   
Martedì 06 Aprile 2010 13:46
Indice
Storia di Maslianico
Neolitico
Epoca romana
Alto medioevo
Età dei comuni
La nascita della parrocchia
La rivoluzione francese
Il risorgimento e l'unità d'Italia
Il Novecento
Lo stemma
Successione dei parroci di Maslianico
Tutte le pagine

 

L'epoca romana

Il primo incontro trai Romani e la popolazione locale avvenne nel 196 a.C. quando il console Marco Claudio Marcello vinse a discapito delle genti insubriche probabilmente d’origine celtica.
Fu sottoscritto un trattato d’amicizia ancora valido nell’89 a.C. quando Pompeo Strabone difese Como.
Nella seconda metà del I secolo a.C. Giulio Cesare fondò Novum Comun con l’insediamento di 20.000 persone. È probabile che un nucleo di coloni si stanziò a Maslianico infatti gli studiosi di etimologia pensano che l’origine del nome si trovi nel nome di un capo-famiglia latino.

Le due tombe

Furono scoperte due tombe come descritto dall’archeologo Antonio Magni nell’articolo Notiziario archeologico della Regione comense pubblicato sulla Rivista Archeologica dell’Antica Provincia e Diocesi di Como:

“A Maslianico, a pochi chilometri da Como, il giorno 24 settembre 1913, in terreno ad uso cava di sabbia dei fratelli Paolo e Luigi Locatelli, nella località Cascina ed a pochi passi dal confine svizzero, si trovarono due tombe ad inumazione, contenenti uno scheletro per ciascuna. Erano costituite parte in muro di sassi e malta di calce ed in parte con ardesie; in una il fondo aveva un tegolone piano romano; i piedi erano volti e levante, la testa a ponente.”

”Vi si trovò un vaso ansato in terra cotta, che si è potuto ricuperare; si potrebbe riferire al quinto secolo dopo Cristo."

”... il colore suo originario giallo-rossastro di terra cotta divenne estremamente nerognolo perché lordo di olio che doveva riempirlo all’atto della sua deposizione nella tomba. È alto 26 cm e fu donato al museo di Como.”



Ultimo aggiornamento Martedì 04 Gennaio 2011 13:52
 

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.