Comunità della Beata Vergine del Bisbino

Cerca

Eventi

Dom Feb 11
GG DEL MALATO
Mer Feb 14
LE CENERI
Ven Feb 16 @21:00 -
I° QUARESIMALE
Sab Feb 17 @07:00 -
SOCCORSO
Lun Feb 19
C.P.C.
Gio Feb 22 @20:30 -
ADORAZIONE SETTIMANALE
Ven Feb 23 @21:00 -
II QUARESIMALE
Ven Mar 02 @21:00 -
III QUARESIMALE
Ven Mar 09 @21:00 -
IV QUARESIMALE
Ven Mar 16 @21:00 -
V QUARESIMALE

Condividi

Comunità

Powered by JoomlaGadgets

Home
la PAROLA 7 GENNAIO 2018
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 08 Gennaio 2018 08:59

«Vide squarciarsi i cieli» (Mc 1,10a)   Battesimo del Signore - B - 7 gennaio 2018
dal Vangelo secondo Marco
La brutalità di questa immagine dei cieli che si squarciano ripete in termini nuovi il mistero del Natale, di un Dio che varca le porte del suo cielo per venire da noi, sulla nostra terra e nella nostra natura umana. Sentiamo ancora l'eco dell'Epifania, cioè della manifestazione della divinità di Cristo, riconosciuta e adorata giusto ieri dai Magi a Betlemme e dichiarata inequivocabilmente oggi dalla voce del Padre e dallo Spirito Santo che discende verso di lui nel Giordano. Dio è nel mondo!
Ma questa estrema vicinanza di Dio all'uomo, di cui ha scelto di condividere la natura, ha il sapore della definitività. Cristo Gesù ha assunto un corpo di carne che, anche dopo la risurrezione, non lascerà più. Il suo legame con l'uomo non è stato provvisorio. Ce lo dice l'evangelista Marco proprio in questa immagine dei cieli squarciati. La scelta di questo verbo (non condiviso da Matteo e Luca, che preferiscono il più delicato aprirsi dei cieli) segna la distruzione di un muro, di un confine prima invalicabile e ora aperto per sempre. Venendo nel mondo Gesù ha aperto a noi la strada per il cielo. Assumendo la natura umana, Dio ha preparato per noi la vita divina, come figli nel suo unico Figlio.
Così possiamo gustare nel vangelo di questa domenica l'armonia tra quel «Gesù che venne da Nazaret», come un uomo tra tanti, e il divino Figlio, in cui il Padre si compiace; un'armonia che attende tutti coloro che vorranno oltrepassare, quando il Cristo verrà nella gloria, i confini dei cieli squarciati.

 
MESSE SOLENNITA' EPIFANIA
Scritto da segreteria BVB   
Martedì 02 Gennaio 2018 09:57

SOLENNITA' DELL'EPIFANIA
S.Messe pre-festive con solito orario venerdì 5 gennaio

S.Messe festive sabato 6 gennaio:
ore 8.00 Piazza
ore 9.45 Rovenna
ore 10.00 Maslianico/S.Teresa*
ore 10.30 Cernobbio/Red*
ore 11.00 Piazza*
ore 11.00 Stimianico*
ore 18.00 Maslianico/S.Teresa
ore 18.00 Cernobbio/orat

*benedizione dei bambini

vespri solenni:
ore 15.00 Rovenna con processione e benedizione bambini
ore 15.00 Piazza

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Gennaio 2018 09:58
 
la PAROLA 31 DICEMBRE 2017
Scritto da segreteria BVB   
Martedì 02 Gennaio 2018 09:40

«I miei occhi hanno visto la tua salvezza» (Lc 2,30)   Santa famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe - B -                  31 dicembre 2017    dal Vangelo secondo Luca Lc 22,40

Le parole di Simeone segnano la sua presa di coscienza su quanto stava accadendo nel mondo in quei giorni: la salvezza di Dio aveva iniziato ad operare secondo il suo piano redentivo nella nascita del piccolo Gesù; poi, con moto dilagante, avrebbe continuato ad espandersi a tutte le genti, come fa ancora oggi e farà fino alla fine dei tempi. Ecco la pace di Simeone, ecco la nostra pace, ecco la pace inaugurata dal Natale del Signore. Da quel momento nulla è più stato come prima, la prospettiva dell'uomo è stata ribaltata: dalla morte alla vita.
Maria e Giuseppe portano Gesù al Tempio per riscattare il loro primogenito, come voleva la legge di Mosè; ma forse ancora non erano consapevoli che proprio il loro figlio, primogenito del Padre celeste, Tempio vivo della Nuova Alleanza, avrebbe a sua volta riscattato il mondo intero, dal tempo di Adamo votato al peccato e alla morte, per condurlo con sé verso la Gerusalemme celeste. L'avevano compreso bene invece Simeone e la vecchia Anna, perché lo Spirito Santo aveva illuminato i loro occhi, che da tempo scrutavano il cielo in attesa del Salvatore.
La loro fede nella promessa di salvezza, che da sempre Dio aveva fatto a Israele, permette loro di riconoscerlo quando se lo trovano davanti, anche nella povertà e nell'umiltà di un infante. Alla stessa maniera, anche la nostra fede nella promessa di eternità che Dio ci ha rivolto si rinnovi, perché lo Spirito di Cristo possa abitare sempre in noi e aiutarci a riconoscere la sua azione e la sua volontà.

 
AUGURI
Scritto da segreteria BVB   
Lunedì 01 Gennaio 2018 09:24

"Gli fu dato nome Gesu'"


AUGURI DI BUON ANNO A TUTTA LA BVB
don Stefano, don Alessio, don Antonio, don Gianpaolo, don Giovanni

Ultimo aggiornamento Martedì 02 Gennaio 2018 09:37
 


Pagina 4 di 208

Design by Gabriele Della Torre / Script by Joomla! / Webmaster: - / Versione 1.5.4 / Licenza Creative Commons
Il contenuto di www.bisbino.it è concesso in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.